Il super concerto di Battiato a Gallipoli!

0

Sono le 8 del mattino del 14 luglio quando il tir della produzione di Franco Battiato fa il suo ingresso al Parco Gondar di Gallipoli. Tutto deve essere pronto entro il pomeriggio per il sound-check e poi alle 21.30 l’atteso concerto di Franco, un gentleman della musica italiana. In poche ore il termometro della cittadina ionica tocca i 45 gradi. Un sole cocente accompagna i tecnici e gli operai al lavoro. Di fronte a noi il paradiso o la “beffa” di un mare limpido, azzurro e cristallino, calmo come non mai e una folla di turisti che tra un bagno e l’altro si avvicinano all’ingresso del parco, osservano il mega poster che pubblicizza il concerto e “sbirciano” nella speranza di vedere se il protagonista atteso della serata é già arrivato.
Un lavoro straordinario di tutto lo staff della produzione e degli organizzatori promoter rende la giornata serena nonostante il super lavoro. Sono tutti professionisti quelli che accompagnano Franco Battiato, dai musicisti ai tecnici, persone collaborative, precise, in gamba. Grazie a loro nessun problema all’orizzonte, tutto fila liscio. E a completare il capolavoro arriva Franco Battiato con un concerto superlativo, straordinario, ricco di emozioni, insieme alla sua band. La gente rimane incantata quasi ipnotizzata. Si risveglia e canta “Tutto l’universo obbedisce all’amore” e poi, ormai incontenibile, manda al diavolo le sedie e si accalca sotto al palco per ballare e cantare insieme a lui gli indimenticabili successi degli anni 80. Un’esperienza memorabile che mi risveglia e mi riporta alla realtà di quanto sia bello ascoltare la musica, offrire alla gente un evento come questo e che mi fa capire come nell’ambiente dell’organizzazione dei live esistono per fortuna ancora persone animate da vera passione e professionalità. Da qualche tempo avevo iniziato a dubitarne… Grazie Franco Battiato e staff!

Comments

comments

Leave a Reply